Designated Survivor – Seconda stagione

Il presidente degli Stati Uniti più amato di sempre sarà in grado di fronteggiare la seconda stagione su Netflix senza perdere lo smalto? Rispondo subito: sno!

Premetto che la prima stagione di Designated Survivor mi era molto piaciuta, un plot particolare e dei bravi attori. Ma diciamoci la verità…dovevano farci un film da 2 ore perché arrivare a fine stagione è stato un po tirare troppo la corda. Ovviamente posso parlare solo delle prime sei puntate (quelle uscite in questo momento), ma non nutro particolare fiducia sul futuro.

designated-survivor-2

E tratto della prima stagione, ma il giuramento in tuta è stato troppo bello 🙂

Comunque riassumendo dalla prima stagione: tutto il congresso è saltato in aria e solo Tom Kirkman, che si trovava altrove, è sopravvissuto.  Era l’ultimo in linea di successione, ora è il nuovo presidente degli Stati Uniti. Ma non è saltato tutto in aria per una perdita di metano, ovviamente c’è un gigantesco complotto dietro. Pian piano viene tutto rivelato da degli agenti federali, ma alla fine scopriamo che i cattivi facevano parte di un piano più grande.

Si può proseguire oltre?Insomma povero, le ha passate davvero tutte, sembra che attiri la sfortuna nel raggio di chilometri. Ed è questo il problema della seconda serie.

Recensione:

Gli attori principali sono sempre bravi, il plot cerca sempre nuove sfide, ma…sembra che soffra della sindrome da DragonBall, c’è sempre qualcuno più cattivo dietro. Dovevano concludere con la prima stagione, speriamo che questa sia l’ultima e ci lasci un buon ricordo. Qualcuno vede questo telefilm come una risposta a Trump, ed infatti qui abbiamo un presidente illuminato ed i temi sono quelli di attualità in america : le armi, le multinazionali, i partiti forti, il fanatismo religioso/politico.

Lo consiglio a chi ha visto la prima stagione, dato che questa alla fine scorre, ma posso dargli solo la sufficienza…

Good

  • Cast sempre valido

Bad

  • Ritengo che la storia sia ormai esaurita
6.1

Non male

Docente, programmatore, tecnico IT e studente. Tra le mie passioni ormai parcheggiate per mancanza di tempo vi sono il kayak, lo sci ed i videogiochi.